Ciao, cosa vuoi cercare?

Cultura

miu miu e levi’s per una collezione sostenibile

Fra i più grandi brand di moda haute couture, Miu Miu e Levi’s hanno dato vita ad un progetto green. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Miu Miu, la famosa casa di moda del gruppo Prada, insieme a Levi’s – la più grande azienda produttrice di Jeans al mondo – ha lanciato, il 4 maggio 2021, una collezione innovativa e sostenibile, nata dalla collaborazione fra i due grandi marchi.
Entrambe le case si sono distinte, già in passato, per aver adottato politiche volte alla progettazione di capi “haute couture” eco-sostenibili e di ambienti lavorativi salubri, restituendo dignità ai lavoratori, eliminando l’uso di pellicce e diminuendo considerevolmente l’utilizzo di acqua grazie al progetto ” Waterless Strategy” della Levi’s.

“Il Gruppo fonde gli elementi distintivi del proprio saper fare con principi ispirati alla valorizzazione delle persone, alla tutela dell’ambiente e alla promozione della cultura, ritenendo in questo modo di poter perseguire uno sviluppo economico a beneficio proprio e degli interessi diffusi delle collettività e dei luoghi in cui opera.”

POLITICA DI SOSTENIBILITÀ
DEL GRUPPO PRADA

In particolar modo ricordiamo l’impegno delle Maisons nella progettazione di importanti iniziative in materia di sostenibilità, volti a migliorare le condizioni climatiche ed ambientali estesi anche all’esterno del perimetro aziendale.
Con la collezione “Levi’s SecondHand” del 2020, si ha la realizzazione del progetto, rivolto ai soli cittadini americani, che propone lo scambio di capi usati del brand in questione tramite l’utilizzo di una “carta regalo”. In particolare, sul sito dell’iniziativa è scritto:

“Se tutti comprassero un prodotto usato quest’anno, invece di comprarne uno nuovo, si risparmierebbero circa 449 milioni *di libbre di rifiuti”.

*Una libbra equivale a circa 0,45 kg.


“Re-Nylon” è un progetto Miu Miu in collaborazione con Aquafil, una fra le principali industrie nella produzione di fibre sintetiche. Vengono raccolti materiali di scarto provenienti da reti da pesca o scarti industriali, che sono successivamente sottoposti ad un processo di depolimerizzazione chimica al fine di ottenere nylon alla purezza originaria.
L’obiettivo aziendale è quello di convertire tutto il nylon vergine in nylon rigenerato entro la fine del 2021.

Upcycled”, è invece una collezione presentata nel 2020 per il Green Carpet Fashion Awards, che esibisce 80 capi d’epoca tra gli anni Trenta ed Ottanta, riciclati e rielaborati secondo i codici stilistici dell’azienda. Essi sono stati accuratamente selezionati tra capi di mercatini e negozi vintage di tutto il mondo, rifiniti a mano e decorati con ricami e dettagli unici.

Per questa Primavera-Estate il progetto prosegue – consolidando il suo impegno per la moda sostenibile – e questa volta i protagonisti sono gli originali denim rivisitati da Miu Miu. La collezione comprende gli emblematici Jeans Levi’s 501 da uomo ed i Trucker Jackets vintage anni Ottanta, che si impreziosiranno di perle, cristalli, fiori e ricami. Rosa sarà invece la nuance del logo Levi’s ospitante – in questa occasione – quello del gruppo Prada. La shopping bag tipica della Miu Miu accoglierà invece il logo Levi’s impresso a contrasto.
Vedremo l’aggiunta di maniche a palloncino in duchesse per maglie e giacche, su cui spiccano colletti oversize in pizzo bianco o applicazioni in pelle lavorata d’ispirazione Art Déco. Profili o risvolti dallo stesso tessuto duchesse sono invece scelti per jeans, che vengono accorciati e resi shorts.  

Questa collaborazione non solo è simbolo della ribellione giovanile tipico dell’epoca, ma anche dello spirito libero e anticonformista di una moda che non si ferma e che distrugge i costrutti sociali del maschile e femminile, grazie al gioco di contrasti tra gli elementi presenti in questi capi. Noteremo infatti l’alternanza di capi oversize e dal taglio maschile, affiancati da dettagli più sfarzosi e dalla vestibilità “tight-fitting”.
Le principali testimonials della collezione saranno l’attrice Emma Corrin e le modelle Lila Moss e Georgia Palmer, ritratte nelle foto di Johnny Dufort.
“Un cast composto da attori e performer è intrinsecamente improntato al significato di Miu Miu – di trasformazione, di reinvenzione, di una donna che può essere donna. Queste figure – che si ricreano costantemente, per gli altri ma anche per sé stesse – rappresentano la pluralità all’interno di ogni donna. Queste icone Miu Miu riflettono, a loro volta, l’icona all’interno di ognuno”.


La collezione Upcycled by Miu Miu è disponibile dal 24 Maggio su miumiu.com e in 18 negozi selezionati. 


Articolo non sponsorizzato.

Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti...

Attualità

Il maggiore quotidiano di Hong Kong pro-democrazia se n'è andato, e con lui, quel che restava della poca libertà di stampa nel paese

Attualità

Noi occidentali siamo realmente consapevoli del grado di censura e della ristretta libertà di opinione che vige nella repubblica popolare Cinese?

Sport

Il riepilogo delle tappe che hanno scandito la nascita e il percorso di crescita della Nazionale maschile di calcio a pochi giorni dall'inizio del...

Attualità

Il disegno di Legge Zan, protagonista di numerosi dibattiti politici e ideologici, è ancora in attesa di approvazione a causa del suo complesso iter...