Ciao, cosa vuoi cercare?

Cultura

L’influenza di Elton John nella storia del rock

Elton John, come ha segnato la storia del Rock ?

Eccentrico, rivoluzionario, sorprendente: Elton John, Il Rocket Man inglese che ha segnato la storia della musica con 56 album e 135 singoli, conquistando oltre il 2% delle vendite mondiali di dischi nel 1975. Con 6 Grammy Award e 2 Premi Oscar, nel 2004 fu collocato – dalla nota rivista Rolling Stone – al 49° posto tra i 100 migliori artisti di tutti i tempi. La Superstar del Rock si contraddistingue per la sua inimitabile capacità nell’elaborare brani e melodie in tempi brevissimi: in soli 20 minuti compose al piano “Your Song”, una delle canzoni di maggior successo, definita “vicina alla perfezione”. Bernie Taupin, poeta e braccio destro dell’artista, si occupava dei testi, ossia della “parte più complicata del fare musica” secondo Elton John. Nato a Pinner, nel Regno Unito, Reginald Kenneth Dwight nel 1972 diede origine al nome che tutti ora conosciamo: Elton John. Da dove nacque tale scelta? La questione è più banale di quanto sembri. L’artista unì i nomi dei musicisti della sua prima band, Elton Dean e Long John Baldry.

L’infanzia difficile segnò profondamente il carattere della rockstar: la madre instabile e irascibile non dimostrò affetto in alcuna occasione; il padre invece, abbandonò la famiglia senza nemmeno abbracciare per un’ultima volta suo figlio. Debolezze e insicurezze caratterizzano così la vita del rocker, trascinandolo in circoli viziosi di depressione e dipendenza da alcool e droghe. Un artista alla ricerca di razionalità, di nuove emozioni e stimoli che confermassero il suo stravagante modo di osservare il mondo; un artista alla ricerca di affetto e amore incondizionato: questo è Elton John, un’irrefrenabile eclettica star del Rock anni 70.

Ebbene sì, gli anni 70 sono decisamente rivoluzionari e fondamentali per la musica: dall’introspettivo e iconico album “The Dark Side of the Moon” dei Pink Floyd, alla celebre e
indimenticabile “Let It Be” dei Beatles. Un successo mai visto prima travolse la musica britannica di quei tempi, che raggiunse successivamente l’apice con i Queen. Ma qual è stata l’influenza dei brani eltoniani all’interno del panorama musicale mondiale? Con il suo abbigliamento stravagante, lo stile energico, euritmico, orchestrale e glam, Elton John ha ispirato numerosissimi artisti di grande rilevanza, tra cui Phil Collins, George Michael, i Queen, i Radiohead, Pink, Mika.

L’artista ha influenzato considerevolmente persino i protagonisti dell’Hard Rock e Heavy metal, come i Guns ‘N Roses – in particolare Axl Rose. …Ma chi lo avrebbe mai detto? Nello scenario italiano invece, furono Antonello Venditti, Renato Zero e Claudio Baglioni ad ispirarsi maggiormente al genere musicale della rockstar. La grande fama e il particolare stile eltoniano consentirono alla celebrità di collaborare con artisti di grande successo, partecipando direttamente alla produzione dei loro brani: John Lennon, Bob Dylan, Bon Jovi, Kanye West, Ozzy Osbourne e molti altri. Il suo stile “ibrido” sinfonico e pop, caratterizzato da ballate rock, cantautorato e discomusic, ha segnato un modo iconico di fare musica: unire euforia e calma o fondere il leggiadro suono del pianoforte allo spumeggiante ritmo di Crocodile Rock, un vero e proprio concentrato di delicata energia. Negli anni 80 l’artista attraversò un periodo di profonda crisi psicologica legato alla consapevolezza e alla dichiarazione della propria omosessualità. Da tale episodio, ne derivò la scelta di abbandonare il panorama musicale per dedicarsi alla disintossicazione e alla ricerca delle cause da cui originavano ossessioni e dipendenze; per poi “ritornare in carreggiata” negli anni 2000, con un genere più sobrio, calmo e riflessivo. Con un patrimonio di circa 81 milioni di dollari, Elton John è la rockstar più ricca del mondo secondo Forbes nel 2020, che colloca rispettivamente al secondo e terzo posto i Rolling Stones e i Metallica. L’artista, ora in pausa per dedicarsi alla sua preziosa famiglia, è felicemente sposato da vent’anni con David Furnish, un regista canadese con cui ebbe due splendidi figli nel 2010 e 2013, grazie alla stessa madre surrogata.

“La musica ha il potere di guarire. Ha la capacità di tirar fuori le persone da se stesse per un paio di ore.” Elton John

Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti...

Cultura

L'acceso dibattito tra i sostenitori della musica in forma digitale e in vinile ha da sempre caratterizzato l'approccio all'evoluzione della tecnologia dei formati audio....

Cultura

Quattro ragazzi romani, una grande amicizia e la passione per il rock: ecco i Måneskin, energici e talentuosi artisti. Conosciamo meglio i nuovi vincitori...

Cultura

La musica, senza nemmeno accorgercene, influenza non solo il nostro stato d'animo, ma anche le nostre azioni.