Ciao, cosa vuoi cercare?

Attualità

Il Governo ha varato il decreto legge sul Green Pass

Il Governo Draghi ha annunciato le nuove regole per l’accesso a luoghi al chiuso, eventi, competizioni e…

Il Green Pass, valido dal 1 luglio, viene rilasciato a seguito della somministrazione di almeno una dose (per quei vaccini che prevedono due dosi, ovvero Pfizer, Moderna e AstraZeneca) di vaccino contro il Covid-19, di un test molecolare/antigenico negativo nelle 48 ore precedenti, oppure, della guarigione da meno di sei mesi dal virus.

Giovedì 22 luglio il Governo guidato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato che dal 6 agosto il possesso del “Green Pass” verrà reso obbligatorio per tutti i cittadini con più di 12 anni di età per l’ingresso nei ristoranti al chiuso, cinema, teatri, palestre, piscine, musei, eventi e competizioni sportive, fiere, sagre, convegni, parchi di divertimento, sale gioco, partecipazione a concorsi. Per i ristoranti al chiuso la certificazione sarà necessaria sia per i clienti che per i lavoratori; non sarà necessario, invece, nei bar per il servizio al bancone.
Restano per il momento chiuse invece discoteche, tutelate però dall’istituzione di un apposito fondo per garantire sostegni economici alle attività costrette a rimanere chiuse.

Questione trasporti momentaneamente rinviata, al momento non è infatti previsto l’utilizzo del Pass, ma il Presidente assicura che «Saranno affrontati molto rapidamente, forse la settimana prossima».

I nuovi parametri per i colori delle regioni

Il ministro della salute Roberto Speranza ha illustrato poi i nuovi parametri per stabilire il colore delle regioni. Sono criteri che vanno senza dubbio a tener conto del minor tasso di ospedalizzazione derivante dalla crescente parte di popolazione vaccinata. Per la zona gialla si utilizzerà come riferimento il 10 per cento dei posti occupati in terapia intensiva e il 15 per cento di quelli occupati nell’area medica; 20 per cento in terapia intensiva e 30 per cento nell’area medica per la zona arancione; mentre 30 per cento in terapia intensiva e 40 per cento nell’area medica per la zona rossa.

Draghi ha poi concluso invitando tutti i cittadini a vaccinarsi «per proteggere se stessi e le proprie famiglie», spiegando poi che il Green Pass «non è un arbitrio, ma una condizione per tenere aperte le attività economiche». Mette in guardia sulla variante denta, che risulta «minacciosa: si espande molto più rapidamente di altre varianti». Rispondendo poi ad un giornalista di Repubblica sugli appelli no-vax portati avanti da alcuni politici della maggioranza di Governo (come il leader della Lega Matteo Salvini), il Premier risponde: «gli appelli a non vaccinarsi sono inviti a morire. Senza vaccinazione si deve chiudere tutto, di nuovo».
Lo stato di emergenza è stato ulteriormente prorogato fino al 31 dicembre 2021.

Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti...

Attualità

La Redazione de L'inchiostro è entrata a contatto con il più frequentato gruppo "No Green Pass" di Roma. Di cosa si parla al suo...

Economia

Il segretario del PD Enrico Letta nelle ultime settimane ha portato al centro del dibattito pubblico il tema. Com'è messa l'Italia al momento?