Ciao, cosa vuoi cercare?

Cultura

Come e Dove leggere di scienza

Spesso quando si parla di scienza e divulgazione scientifica la prima cosa che si fa è cercare su Google. Bene! Ma dove cercare?

Spesso quando si parla di scienza e divulgazione scientifica la prima cosa che si fa è cercare su Google. Bene! Ma dove cercare? Come è possibile trovare delle informazioni autorevoli e riconosciute? Dove posso leggere contenuti dettagliati e minuziosamente spiegati? Medicina, tecnologia, matematica, informatica, fisica. Se voglio saperne di più dove devo cercare?


Ok, un grande motore di ricerca sicuramente conterrà una grande quantità di informazioni; di non certo paragonabile all’enciclopedia che sta a prendere polvere nello scaffale della libreria!
L’essere tutto a portata di click, in realtà, ci obbliga a dover fare uno sforzo in più: dettagliare e selezionare le fonti dell’informazione.

La prima cosa da fare è evitare il più possibile Wikipedia se non si conosce nulla dell’argomento. I contenuti che gli utenti vi riversano spesso impiegano molto tempo prima di essere revisionati e può capitare che, con estrema facilità, le informazioni che riporta siano parzialmente errate o poco attendibili.

Seconda cosa da non fare è leggere sui giornali o quotidiani di parte. Si rischia, infatti, di scadere in un articolo di opinione piuttosto che divulgazione. Cercheresti mai un articolo di scienze naturali su un blog terrapiattista?

Il miglior modo per sapere di scienza è apprenderne, quindi, da chi effettivamente vi ricerca. Pubblicazioni, saggi e articoli di ricercatori, studenti meritevoli e docenti. Questo è ciò che dobbiamo cercare. Ma dove?

L’approccio più banale è utilizzare non il semplice motore di ricerca di Google ma quello specializzato: Scholar.
In questo modo le parole chiave da te inserite verranno utilizzate per orientare ed ordinare tutte le pubblicazioni accademiche depositate sul sito.

Un altro approccio è utilizzare siti per la ricerca di paper. Uno dei più famosi è ResearchGate. Al suo interno sono costantemente inseriti articoli e pubblicazioni dei massimi esperti di ogni settore. Inoltre c’è la possibilità di rimanere costantemente aggiornati su determinate tematiche o ricercatori con la possibilità di essere notificati via mail sulle nuove pubblicazioni.

L’ultimo approccio positivo è quello di rivolgersi agli esperti. Detta così può sembrare lapalissiano…ed infatti lo è! Come ci si rivolge ad un esperto? Semplice. Molto spesso personaggi noti “addetti ai lavori” fanno divulgazione per il grande pubblico sui propri canali (social e meno social). Sicuramente loro possono offrire spunti importanti e informazioni molto celeri e precise. Dobbiamo stare comunque all’erta! Prendiamo sempre con le pinze queste informazioni e, se non sono verificate da dati e ricerche, cerchiamo noi stessi, in prima persona, di sviscerare l’argomento (utilizzando le fonti citate sopra).


Questi sono poche ma importanti linee guida che possiamo seguire quando si approccia una tematica scientifica. Adesso, non ci resta che informarci.

Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti...

Attualità

Come la maggior parte delle persone che prende parte a questo progetto editoriale (L’inchiostro), ritengo di seguire piuttosto attentamente l’attualità e le dinamiche sociali....

Attualità

Negli ultimi giorni abbiamo visto mobilitazioni di solidarietà verso il popolo ucraino. C’è chi ha postato una foto, chi una storia, chi un video,...

Sport

La giornalista molestata sabato dopo la partita di calcio di Serie A, un tifoso le ha tirato uno schiaffo sul sedere. In molti richiamano...

Attualità

Nella cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 21/22 della Sapienza Università di Roma non sono mancati numerosi e meravigliosi interventi. Studenti, docenti, personale tecnico-amministrativo e...